IL PROFUMO DELLA NOSTALGIA

Mentre finisco di riordinare, trovando la giusta collocazione a oggetti e stoviglie rimaste in giro, mi accorgo di sorridere.
Mi sembra di sentire le voci di tante persone che, negli anni, entrando nella mia vita e nella mia casa mi hanno salutata con calore. Rivivo abbracci, a volte anche troppo “stringenti”, di persone volate via e ormai lontane da  tanto tempo.
Sorrido e ascolto, ora non odo soltanto le loro voci festose, ma anche quello che i loro silenzi hanno nascosto: paure, dubbi, solitudine e dolore.
Non sorrido più, mi siedo e trattengo una lacrima. So cosa viene a dirmi e non voglio ascoltarla. Ripete che le persone a cui sto pensando sono volate in un tempo che non mi appartiene e nel quale possono comprendere i limiti umani.
Quella lacrima si asciuga, ma chiama altre sorelle che hanno nomi e volti di persone amate e mai comprese; per esse oggi respiro il profumo agrodolce della nostalgia.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...