SAN VALENTINO? NO GRAZIE!

palpiti-ossessisoni-e-disavventure-damore-in-100-parole (1)14 febbraio.
Sms: Mi trasferisco in Canada, so che capirai…
Per Gemma, fu la conferma che Valentino fosse un “santo scaduto”.
Sapendola sola, Lea e il marito insistettero per portarla a cena fuori e lei accettò, pensando che le amiche debbano condividere proprio tutto.
Prendendo posto, Gemma fece scivolare un biglietto nella tasca dell’uomo.
Drin…
Lui prese il telefono, si scusò e uscì.
Una carta gli era caduta sul tavolo. Lea sbirciò, lesse: “Stasera, ti voglio!” e impallidì.
Lui tornò, guardò il biglietto, lo stracciò e fece pressione sul ginocchio di Gemma. Lei esultò: “San Valentino, stavolta t’ho fregato io!”

 

Questo racconto è stato selezionato e pubblicato nella raccolta antologica “Palpiti, ossessioni e disavventure d’amore in 100 parole”. Edito L’Erudita di Giulio Perrone Editore

Annunci

1 Commento

Archiviato in Uncategorized

Una risposta a “SAN VALENTINO? NO GRAZIE!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...