Archivi del mese: maggio 2014

UICHENNE AR MARE

Un brano del mio primo libro demenziale in dialetto lubrianese e italiano.

Poco doppo ècchite arrià l’òmmine!C’ìono le facce mosce e Svicola tenìa mà le mano solo ‘na cartatella co’ poca robba. ‘R Capiscente disse che ìono girato ‘pertutto, ma nun ìono troàto più gnente.

Quanno la Facchitòta guardètte chè ìono protato, je diventò ‘r muso bianco come ‘n cencio laàto: c’adèrono si e no ‘na dicina de sarde tutte ‘ntrujàte de sale.
Prèsono ‘na sarda per uno e attaccònno a sbattele mà le ferre de la tenna pe’ sgrullaje ‘r sale.
Come successe ‘n se sa, ma chiùno mannò ‘r sale mall’occhie dell’Angustia. Lèe strillò:“Ajutàteme, currite! Guardate che m’è ito mall’occhie! Me còciono e ‘n ce veggo più!”
Quelle, ‘nvece de guardà mà lèe, stàono a leccàsse le deta e strucinàono popò de pane mà le sarde pe’ daje sapore.
‘Ntanto l’Angustia se strupicciàa l’occhie, e più je dàa e pejo adèra, je parìa che je pijàono foco e ‘r Capiscente je disse:
“Ah, mò che dorgono mà tì le sente?! Stamane, quanno dulìono mà mì, ce ridìe eh! Mò vattele a lavà,
nun vegghe quant’acqua c’hae davante? Mica dicaràe che ‘r mare nun te bbasta!”
L’Angustia, co’ l’occhie annebbiàte dar focòre, annò là pe’ l’acqua a sciaccujàlle. Quella stupata j’ìa dato retta; nun l’esse mae fatto, je bruciàono più de prima!
Poràccia, piagnìa e nun c’era verso che se zittàa.
Millì vicino c’èrono ‘n po’ de gente co’ le tenne, ma, ‘ste ‘gnorante, a sintije fà quelle verse èttono paura e nun je vòrsono dà popò d’acqua bbona!
La Pantebbe, c’adèra stata ferma e zzitta a guardà, se ricordò de ‘na cosa che riccontàa sempre la su’ pora nonna Luduìna e disse:
“Regà, ma che vartre nu’ lo sapete?! Quanno c’è quarche ‘nfiammazzione e nun se sa che s’ha da fà, ‘gna facce piscià sopre ‘na creatura cicìna che ‘ncò pija ‘l latte de la su’ ma’.”
Je guardònno tutte stralunate e poe mar Capiscente je scappò ditto:
“Io simpriciotto! Micchì do’ lo troàmo ‘n fijarello? Mica lo potèmo creà?”
La Facchitòta je disse:
“Vartre òmmine nun vedete mae gnente; popò più là, mà ‘na tenna c’è ‘na coppietta de tedesche e c’honno ‘n cìtolo che arà sì e no ‘n mese. ‘Gnarèbbe annà da loro a veda che se po’ fà.”
Partìnno tutte. Capiscente stàa davante e tenìa pe’ ‘n braccio l’Angustia e, siccome quella poràccia ‘n ce vedìa più e tralancàa, je facìa strada. Quell’artre j’annàono jetro.
Quanno arriònno da le tedesche ‘r Capiscente strillò:
“Ohè! Scappate fora!”
Sintìnno la voce de quarcuno che parlàa strano e poe, ècchete ‘n omo, che sarà stato arto du’ metre, co’ jetro ‘na regazza arta come lue.
Quell’omo parìa ‘ncazzato e, vedènno tutte quelle gente, me sà che s’adèra ‘mpaurìto ‘ncò.
Strillò:
Voi tutti genti, cosa volere qui a qvesta ora?”
Capiscente cerchètte de spiegàje:
“Volemo solo che fate piscià ‘r vostro fijo mà l’occhie de ‘sta donna!”
‘R Tedesco dette ‘na guardata mà l’Angustia e pensò che j’ìono menàto; sempre più aggitàto disse:
Cosa pissiare? Cosa fighlio? Cosa fatto voi a occhi di donna?”
 Capiscente nun sapìa come fà a fasse capì, allora fece metta l’Angustia a ginocchiòne e doppo lue fece ‘r verso de pisciàje mall’occhie.
Dio ce sarve! ‘R Tedesco va’ a sapè che capitte!
Fece ‘no strillo che lo ‘ntesono ‘n Germania ‘ncò e disse:
Tu italiano porcaccione maniaco de sexo. Via tutti o io spara!”
‘R Capiscente, lesto, fece riarzà l’Angustia e, come si èssono visto ‘r diàolo, uno dietr’all’artro annèttono via currènno.
‘Na vorta arriàte mar su’ posto, l’Angustia se mese a jace sur su’ matarazzètto e doppo ‘n po’, a forza de piagna, l’occhie je se lavònno per bene e ‘r dolore je se passò.

Italiano

Poco dopo, ecco arrivare gli uomini!  Avevano le facce tristi e Svicola teneva in mano solo una cartatella con poca roba. Capiscente disse che, dopo aver girato dappertutto, non avevano trovato nient’altro.
Quando Facchitòta vide quello che avevano portato, le caddero le braccia dallo sconforto: c’erano si e no una decina di sarde tutte sporche di sale.
Presero una sarda per uno e, brontolando, cominciarono a sbatterle contro i ferri della tenda per far cadere il sale.
Come successe non si sa, ma qualcuno mandò il sale negli occhi di Angustia.
Quella poveraccia urlò:
“Aiutatemi, correte! Guardate cosa mi è andato negli occhi! Mi bruciano e non ci vedo più!”
Quelli, invece di guardare lei, stavano a leccarsi le dita e strofinavano sulle sarde un po’ di pane per insaporirlo.
Intanto Angustia si stropicciava gli occhi e, più lo faceva, e peggio era; sembrava che le prendessero fuoco e Capiscente le disse:
“Ah, adesso che fanno male a te, lo senti?! Stamani, quando facevano male a me, ridevi eh! Vai a lavarteli, non vedi quanta acqua hai davanti? Mica dirai che il mare non ti basta!”
Angustia, con gli occhi annebbiati dal bruciore, andò nell’acqua per sciacquarli.  Quella stupida gli aveva dato retta! Non l’avesse mai fatto, le bruciavano più di prima.
Poverina, piangeva davvero e non c’era modo di farla smettere.
Lì vicino c’erano un po’ di persone con le tende; ma quegli ignoranti, sentendola piangere a quel modo, ebbero paura e non vollero darle un po’ d’acqua dolce.
Pantebbe, che era stata ferma e zitta a guardare, si ricordò di una cosa che raccontava sempre la sua povera nonna Ludovina e disse:
“Ragazzi, voi non lo sapete, ma quando c’è qualche infiammazione e non si sa cosa fare, bisogna farci urinare sopra un bambino piccolo che ancora prende il latte dalla mamma.”
La guardarono stralunati e a Capiscente scappò detto:
“Io sempliciotto! Qui dove lo troviamo un neonato? Mica possiamo fabbricarlo?”
Facchitòta gli disse:
“Voialtri uomini non vedete mai niente; poco più là, in una tenda, c’è una coppietta di tedeschi e hanno un figlio che avrà sì e no un mese. Bisognerebbe andare da loro per vedere cosa si può fare.”
Partìrono tutti.
Capiscente stava davanti, teneva per un braccio Angustia e, siccome quella sventurata non ci vedeva più e barcollava, le faceva strada.
Gli altri li seguivano.
Quando arrivarono dai tedeschi, Capiscente gridò:
“Ehi! Venite fuori!”
Sentirono la voce di qualcuno che parlava in modo strano, poi uscì un uomo che sarà stato alto due metri con dietro una ragazza alta come lui.
Quell’uomo sembrava incavolato e, vedendo tutte quelle persone, forse si era anche impaurito.
Gridò:
Voi tutti genti, cosa volere qui a qvesta ora?”
 Capiscente spiegò:
“Vogliamo solo che fate pisciare vostro figlio negli occhi di questa donna!”
Il Tedesco diede uno sguardo ad Angustia e pensò che l’avessero picchiata; sempre più agitato, disse:
“Cosa pissiare? Cosa fighlio? Cosa avere fatto voi a occhi di donna?”
Capiscente non sapeva come spiegarsi, allora disse ad Angustia di mettersi in ginocchio e fece il gesto di urinarle negli occhi.
Dio ci salvi! Il Tedesco non si sa cosa capì! Fece un urlo che lo sentirono anche in Germania e disse:
“Tu italiano porcaccione maniaco de sexo! Via tutti o io spara!”
Capiscente, svelto, fece rialzare Angustia e, come se avessero visto il diavolo, uno dietro all’altro andarono via correndo.
Una volta arrivati sul posto, Angustia si sdraiò sul materassino e, dopo un po’, a forza di piangere, gli occhi le si lavarono per bene e il dolore cessò.

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

LA VITA E’

uomo-che-cammina-lungo-la-spiaggia-20087905   Giorni, mesi, anni passati a recriminare sui fatti della vita, a lamentarci di ciò che non è andato come avremmo voluto, a discutere i comportamenti delle persone che abbiamo incrociato, a tormentarci per quello che avremmo potuto fare e non abbiamo fatto e a piangerci addosso per le ingiustizie di cui siamo stati vittime. A torto o a ragione, pochi sono gli esseri umani che sfuggono a questi panegirici mentali.
Nasciamo con il desiderio di migliorare le nostre condizioni e ci prospettiamo delle mete sempre più alte, sempre più irraggiungibili. E’ per questo, credo, che non siamo mai contenti. Vogliamo da noi stessi e da chi ci sta vicino atteggiamenti, parole e pensieri che troppo spesso non appartengono né a noi né a quanti ci circondano.
L’insoddisfazione nasce dal fatto di non  comprendere, soprattutto quando si è ancora giovani, che il percorso della vita è un’avventura e che, doloroso o no, ogni giorno vissuto è una vittoria.
La cura al nostro intimo malessere?
Semplicemente vivere!

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

BRONTOLIO ESENTASSE

imagesBellissima mattina di sole e, a parte un venticello dispettoso, la temperatura è piacevolmente tiepida. Ho deciso di fare un giretto in campagna e… via verso Vallebona. Tutto bene, guardavo la strada e del resto poco mi importava. Al ritorno, però, ho fatto molta attenzione perché dovevo immettermi, prima da una stradina vicinale auna comunale e poi da quest’ultima in una provinciale. Devo dire la verità, l’ho fatto con un certo timore.
-Be?!- direte voi, – Metti la freccia, guardi a destra e a sinistra e fai la tua bella manovra.-
Nossignori! Per vedere se arriva qualche macchina, col batticuore bisogna spingersi fino al centro della carreggiata, perché i rovi, infittiti dalle erbacce, agli incroci sono arrivati ai tre metri d’altezza, togliendo ogni visibilità.
Una domanda sorge spontanea, visto che la strada è provinciale e che, provincia funzionante, viene ripulita sui lati a fine agosto, quando ormai l’erba è secca e non dà più  fastidio, considerando che le stesse province non si sa se saranno smantellate, prevedendo che difficilmente le regioni se ne faranno carico, a chi tocca pulire?
Un buon consiglio sarebbe quello di multare chi non tiene custoditi i confini della propria terra, ma per ciò che concerne il pubblico?

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

FATE TACERE QUELLA BIMBA CHE PIANGE

close up view of open fire great as a background

La cucina era bassa e piena di fumo e Francesca, una bambina di circa quattro anni, stava sdraiata a terra e guardava in su, stupita di vedere sopra di sé, tanto vicina, quella nuvola bianca all’apparenza innocua, ma che le faceva lacrimare gli occhi se si azzardava ad alzarsi e a metterci la testa dentro. Fu distratta dalla sua occupazione da Meo, un gatto soriano più grosso di lei che, attratto dalla sua insolita posizione, era andato a sdraiarsi lì accanto. Faceva freddo e la bambina sembrava una bambola di pezza, tanto era infagottata in maglie e maglioni.
Per ottenere l’effetto vissuto delle pareti e del soffitto di quella cucina, oggi si ricorrerebbe a sofisticate pitture ai silicati, ma i contadini che abitavano lì non avevano occhio sufficientemente educato per poter apprezzare tanta bellezza. Il fumo del camino, i vapori delle polente e delle castagne bollite, oltre a quelli dei beveroni riscaldati per i maiali avevano dato ai muri e alle pareti un colore indefinibile e un odore né buono né disgustoso, ma certamente particolare. Siamo abituati a chiamare casa una costruzione adibita ad abitazione, ma nel luogo dove si svolgono questi fatti, “casa” era chiamata  la cucina, perché in essa si svolgevano la vita quotidiana e le attività domestiche. Quell’ambiente occupava tutto il pianterreno e vi si accedeva da una piazza antistante in terra battuta, salendo due gradini a fianco dei quali c’erano dei pietroni che fungevano da sedili.
La porta era piuttosto piccola e non molto alta, ma robusta e rassicurante, soprattutto la sera, quando, entrati tutti in casa, il nonno si alzava e metteva il paletto. Sulla stessa parete della porta c’era una finestra con l’inferriata e sotto ad essa era situata una cucina a gas, unica concessione alla modernità. Allineati sulla parete di fronte c’erano: l’arca in cui si faceva il pane, il cassone per conservare la farina e la scansia, la nostra moderna vetrina. Sulla parete a tramontana, in un orciolaio, cioè in una nicchia profonda, venivano conservate le cose più disparate. Vi si potevano trovare dalla subbia per risuolare gli scarponi al sego che serviva a lucidarli. Anche il sapone fatto in casa trovava posto lì, su un ripiano, e le candele, benedette e no’, non avrebbero potuto trovare migliore collocazione. Sempre su quella parete c’era un grosso camino in pietra con una base bassa, ma molto larga e all’interno della cappa si apriva la bocca del forno dove, ogni settimana, veniva cotto il pane. Sulla parete opposta, proprio di fronte al camino, si apriva un orciolaio più basso e più largo dell’altro. Lì,  in bella vista, c’erano due grosse brocche piene d’acqua, in mezzo alle quali spiccava un lavamani di rame lucidissimo. Una scala senza alcuna protezione, piuttosto ripida, conduceva al piano superiore, dove c’era un grosso ballatoio che fungeva da magazzino e dal quale si accedeva alle camere da letto.
Tornando al piano inferiore, a fianco delle scale c’era una porticina che dava sul sottoscale o cellaio, nel quale venivano collocati prosciutti, caciotte, concentrato di pomodoro e quanto di commestibile veniva lavorato in casa e poteva essere conservato. Francesca si raggomitolò ancora di più nei panni che l’avvolgevano. Aveva sentito un brivido attraversarle la schiena. Anche se era piccola, sapeva che il fuoco in inverno non deve mai spegnersi e allora, per ravvivare la fiamma, alzatasi in piedi tirò sulla brace dei piccoli ciocchi con tutta la forza che aveva. Poi, infastidita dal fumo, si sdraiò nuovamente e tornò a contemplare la nuvola che la sovrastava. C’erano situazioni a cui non voleva pensare, brutti pensieri che le facevano desiderare di entrare in quell’ovatta e andare lontano. Strinse i pugni con tutte le forze e chiuse gli occhi dai quali  le lacrime uscivano con prepotenza. Il crepitio della legna che bruciava e il fischiare del vento che passava attraverso i vecchi infissi, le conciliarono il sonno e, assecondando la sua voglia di fuggire, i sogni la portarono lontano, in un luogo ove ogni paura del presente e ogni memoria del passato si perde. Ma prima che il sonno l’accogliesse, col pensiero sfiorò tutto il suo mondo e le persone che in esso abitavano. Per prima la mamma, dolce e premurosa, ma troppo preoccupata di far innervosire il marito per poterle trasmettere serenità. Il babbo, sempre corrucciato e alla ricerca di un pretesto per poter fare una scenata e alzare le mani,  per lei era un enigma, perché con la stessa facilità con cui andava su tutte le furie, diventava allegro e scherzoso. Francesca non si fidava di lui. Forse i nonni le volevano bene, ma preferivano suo fratello per la semplice ragione che per loro un nipote, e per di più maschio, era sufficiente, anzi, avanzava pure. Più che agli altri si sentiva vicina a suo fratello, ma anche lui, tra la scuola, il correre dietro ai maiali appena tornava a casa e il fare i compiti, aveva ben poco tempo da dedicarle e, a dire la verità, le sembrava di causargli un costante imbarazzante fastidio.
Già così piccola diceva sempre quello che pensava, e non si rendeva conto che la sua schiettezza, in casa, era micidiale.
Era stanca di stare sola, stanca di sentirsi poco amata e soprattutto stanca delle continue scenate a cui doveva assistere ogni giorno. Era un’attenta osservatrice e aveva imparato a cogliere i segni premonitori: gli sguardi, i gesti e le parole, e si preparava all’evento irrigidendo il corpo e facendosi sorda per non sentire e cieca per non vedere. Quando urla e botte cominciavano a volare, la mamma diceva a suo fratello Leonardo: “Leo, porta via Francesca!” Lui allora la prendeva in braccio e la portava su, nella vigna, il più lontano possibile da casa.
Quando non si sentiva più il rumore della tempesta familiare, Leonardo la metteva a terra e lei restava lì, silenziosa, mentre la pelle sul suo corpo si contraeva a lungo come per un diffuso tic nervoso. Col fratello non scambiava nemmeno una parola; restavano immobili, in attesa che tutto cessasse e che la mamma li richiamasse a casa. Quando tornavano, trovavano la mamma che piangeva, il babbo che sbatteva le cose dovunque gli capitasse e i nonni col muso lungo che non guardavano in faccia nessuno. I due fratelli cercavano di essere invisibili, per non disturbare e dare così adito al riaccendersi della lite.
Francesca si sentiva morire ogni volta e ogni volta pregava che suo padre uscisse di casa e non tornasse più, per non veder piangere la mamma e per non prendere più le botte. Aveva capito che le sue lacrime e quelle di sua madre facevano sentire suo padre più forte e allora, quando lui montava su tutte le furie, lo guardava con sfida e con tutto l’odio che poteva contenere il suo piccolo corpo. Con quell’atteggiamento aveva guadagnato solo qualche ceffone in più, ma mai e poi mai gli avrebbe dato la soddisfazione di vederla piangere. Aveva imparato presto a versare in solitudine le sue lacrime. Queste erano le cose a cui voleva fuggire. Il sonno fu misericordioso e la portò con sé.

2 commenti

Archiviato in Uncategorized

PASSEGGIATA AL PAESELLO

Il Tempo non è granché, ma non piove ed è già una buona cosa. Perciò, stamani, ho deciso di prendere il passeggino, con tanto di nipotino a bordo, e di andare a Magugnano per fare una visita alla nonna-nonna.
L’erede mi ha tenuta impegnata, indicandomi qualsiasi cosa, animata e non, che incontrassimo sulla nostra strada ed esternando, ogni volta, la sua curiosità con un sentito ed esigente -Uh?-, al quale non mi sottraevo. E’ bello soddisfare la voglia di apprendere di un cucciolo di un anno e mezzo.
Poi lui mi ha indicato dei papaveri ed io, prima distratta dai suoi tentativi di discorso, mi sono fatta attenta.
Ehm sì, il nostro Comune ha trovato il metodo per diminuire il lavoro dei suoi dipendenti e per non farci lamentare per le erbacce che crescono sui cigli delle strade e a ridosso dei muri: una bella passata di diserbo e…VAI!!!
Ora non c’è più motivo di brontolare per il verde incolto tra le case, è stato sostituito dal giallo paglierino dei ciuffi d’erba secca tipo film western.
Ma… l’ambiente, la natura, l’inquinamento?



 

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

RESPIRANDO

Donna che scrive una lettera – Wikipedia // // // //

Donna che scrive una lettera

L’odore di olio e trementina saturava la stanza, ma non mi importava. Poco più che adolescente mi perdevo dietro ai colori e, mentre le mani eseguivano la loro danza sulla tela, la mente volava.
Pensavo ai volti stanchi di mio padre e di mia madre, che la sera si ritiravano a casa curvi sotto il peso della giornata trascorsa, ai silenzi a tavola, alle essenziali parole scambiate, scarse e senza forza come il loro sentimento.
Dipingevano le mie mani ed io sognavo un futuro in cui i volti intorno a me apparivano sorridenti e rilassati, le parole meno brusche e le carezze non erano un evento.
Studiavo quasi con rabbia a sedici anni, una rabbia che voleva farmi uscire da un mondo chiuso e senza speranza, studiavo per capire come cambiare la mia vita e allontanarmi da un ambiente che consideravo una prigione.
China sui libri studiavo e sognavo di fronte alle tele.
Coerente con i miei progetti sono andata lontano.
Milano mi ha accolta tra le sue braccia di nebbia, mi ha dato un impiego e denaro, una casa tutta mia e l’orgoglio dell’autosufficienza. Poi gli anni hanno cominciato la loro frenetica corsa; rari i sogni, i colori e le tele, mentre la schiena cominciava a curvarsi sulla scrivania alla quale lavoravo ormai da anni.
Con curiosità ho continuato a studiare ogni giorno, l’ho fatto per non disperdere ciò che avevo appreso e con l’urgenza di chi sente scorrere tra le sue dita, insieme agli anni, informazioni che teme di non riuscire a possedere.
Mi sono illusa di cambiare qualcosa intorno a me, parlando di onestà e collaborazione e l’ho fatto mentre la mia Patria piegava umiliata le ginocchia e il potere derideva i miei sogni.
Passati i sessanta guardo vecchie tele appese alle pareti e non mi arrendo. La forza fisica è scemata e i compiti che mi assegno sono ogni giorno meno pesanti, ma c’è un esercizio quotidiano al quale non mi sottraggo: trasferire storie e pensieri su “file” che difficilmente rileggerò, perché la mente guarda avanti e non vuole perdersi nel passato, fosse anche nell’istante precedente.
Scrivo con intima sofferenza di un mondo violento che scarica le sue frustrazioni colpendo a morte i deboli. Nonostante ciò un sogno m’è rimasto: donna è la speranza e donna è la tenacia.
Un mondo al femminile ci salverà.

1 Commento

Archiviato in Uncategorized